Aziende

Come migliorare la gestione della flotta di una ditta di autotrasporti

Soprattutto in questo periodo di crisi dovuto all’emergenza sanitaria da Covid-19, molte aziende di trasporti stanno cercando di adottare strategie e metodi innovativi che consentano di abbassare, notevolmente, i costi sia per la gestione dei trasporti.

Molte aziende, in questo settore, hanno avuto porre rimedio a forti disagi dovuti al blocco durante il periodo di lockdown. L’emergenza, infatti, ha portato a un carico eccessivo di lavoro che non si era mai verificato in precedenza. Quindi, riuscire a ridurre i costi e ottimizzare la gestione del lavoro potrebbero essere elementi fondamentali per riuscire a far ripartire le aziende e aumentare i fatturati.

Uno dei punti da ottimizzare, per poter risparmiare sui costi e aumentare l’efficienza, è la gestione della flotta. Questa attività richiede molta attenzione e si deve tener conto anche di normative che cambiano continuamente. Vediamo, quindi, di cosa si tratta e come gestirla al meglio.

Cosa si intende per gestione della flotta e come aiuta a ottimizzare le spese

Una ditta di trasporti per poter gestire la flotta deve utilizzare una serie di applicativi per la gestione dei trasporti che consentono di ottenere diversi dati che riguardano il monitoraggio dei propri veicoli aziendali. Questi sistemi di gestione della flotta, conosciuti anche con l’acronimo FMS, permettono, quindi, di poter rendere sempre più automatiche le attività di trasporto e, inoltre, consentono di poter aumentare l’efficienza del servizio riducendo, nel contempo, i costi.

I dati vengono inviati al sistema tramite l’utilizzo, sui veicoli, di moderni computer di bordo. In questo modo, sarà possibile gestire e utilizzare queste informazioni per pianificare migliori percorsi di viaggio che prendano in considerazione le spese di presa e consegna. I dati vengono elaborati automaticamente da un particolare sistema di gestione trasporti, abbreviato in TMS. È possibile avere maggiori informazioni a riguardo e consultare un valido sistema gestionale di trasporti (TMS) visitando il sito www.gestionaletrasportatori.it.

Un sistema di gestione della flotta consente, inoltre, di poter calcolare, in maniera ottimale, anche le tempistiche di guida di un autotrasportatore, i tempi di riposo, di attesa, il report del percorso, i livelli di carico e altre importanti informazioni.
Attraverso questi dati si può determinare il rendimento e, inoltre, si può migliorare la gestione della logistica.

Infine, questi sistemi sono utili anche per amministrare le retribuzioni degli autotrasportatori, garantendo la massima trasparenza.

L’importanza del computer di bordo

Se i software gestionali per il trasporto sono fondamentali, altrettanta importanza hanno anche i computer di bordo. Questi ultimi, infatti, sono imprescindibili quando si utilizza un sistema di gestione della flotta.

Questi strumenti sono inseriti in tutti i veicoli e prevedono l’inserimento di diversi dati da parte dell’autista che, dal suo canto, riceve importanti informazioni e istruzioni tramite questi sistemi. Le caratteristiche più importanti dei computer di bordo sono la possibilità di poter creare dei percorsi e registrare tutti i dati ad essi collegati, monitorare i consumi, avere news riguardo al traffico e al proprio stile di guida.

Grazie all’implementazione del GPS, la ditta di trasporti può visualizzare in tempo reale i dati dei propri veicoli e mandare agli autisti importanti informazioni. I vantaggi sono anche a favore dei clienti che possono ricevere comunicazioni riguardo ai tempi di arrivo della propria merce.

I vantaggi dell’utilizzo di questi sistemi per la salute dell’ambiente

Ad avvantaggiarsi di queste nuove tecnologie non sono soltanto le ditte di autotrasporto che ottimizzano il loro lavoro e riescono a ridurre, sensibilmente, i costi. Infatti, tramite i sistemi di gestione della flotta è possibile anche abbassare, in modo notevole, le emissioni inquinanti nell’ambiente.

Infatti, è possibile ridurre il numero di mezzi che girano per le strade a vuoto. I vantaggi sono rivolti anche agli autisti che riescono a pianificare, in modo più efficiente, i propri tempi di lavoro riuscendo a trascorrere molto più tempo a casa insieme alla propria famiglia.